E’ il ritorno del Re Leone: La Corte stende il Camaro

E’ stato un derby. In tutto e per tutto.
La partita attesa per tutta la settimana in maniera diversa dal solito, 90′ minuti di adrenalina pura dove entrambe le squadre hanno cercato e sfiorato più volte il gol della vittoria, il match che viene deciso da chi proprio non ti aspetteresti mai, quel colpo di scena degno dei thriller del grande schermo.
Il Città fa bottino pieno nella 13^giornata di Eccellenza, battendo un ottimo Camaro, mai arrendevole, nemmeno quando il black out di Bonamonte nel primo tempo costringe i neroverdi all’inferiorità numerica, riequilibrata dal rosso diretto ad Alessandro nella ripresa. I giallorossi sciupano l’occasione dal dischetto con Quintoni ma il tecnico Furnari lancia nella mischia Franco La Corte che a tempo praticamente scaduto trova la prima gioia stagionale, riportando i suoi al primo posto in classifica in attesa delle gare domenicali di Biancavilla e Città di S.Agata.

Primo Tempo: 

Atipico 3-5-2 per mister Furnari, costretto a rinunciare a Rasà per un problema all’alluce oltre allo squalificato Cardia. In avanti infatti sarà Alessandro a supportare Genovese, con Costa a sostituire l’ex Igea Virtus sulla mediana. Rientra Fragapane tra gli 11 titolari. Paterniti tra i pali, difesa composta da Leo, Filistad e Bombara, confermati Silvestri, Calcagno e Quintoni a centrocampo.
Il forte vento condiziona tutto il primo tempo, dove per 10 minuti nessuna delle due squadre trova spunti interessanti in avanti, con gli ospiti a gestire il possesso palla in maniera più costante rispetto agli avversari. Al 13′ è il Camaro a cercare il tiro, ma la conclusione di Paludetti non crea grossi problemi a Paterniti. Dopo un quarto d’ora il Città si fa vivo in zona Mannino, con un calcio di punizione di Quintoni che trova in area la deviazione di Costa, ampiamente alta. Inizia a piovere sul Garden, entrambe le squadre faticano a creare bel gioco e ne Genovese al 20′, ne Mondello al 23′ trovano lo spunto per sbloccare il match. Quintoni cerca invano il bersaglio grosso al 25′ e dopo una buona mezz’ora di studio ed equilibro la partita si infiamma con la discesa di Mondello, bravo a mettere in mezzo per Sturniolo, in ritardo sul primo palo per la possibile deviazione vincente. L’ex Città di Messina è tra i più pericolosi di mister Ferrara e dal suo mancino partono i migliori palloni per i compagni, come quello diretto su capitan Capello al 36′, che non inquadra la porta di testa. Al 41′ la migliore occasione del primo tempo è per il Città di Messina. Quintoni mette in mezzo, Mannino riesce a smanacciare in qualche modo, consegnando il pallone sul sinistro di Fragapane che da buona posizione sciupa. Il primo tempo sembra incanalarsi sullo 0-0 ma in appena 40 secondi Bonamonte riceve due cartellini gialli e lascia il Camaro in 10. Il Città prova subito a sfruttare la superiorità numerica e trova il gol con S.Leo, fermato in presunto fuorigioco dall’assistente di linea. Reti bianche all’intervallo. Fine Primo Tempo.

Secondo Tempo:

Nonostante l’inferiorità numerica il Camaro parte forte nella seconda frazione. Assenzio recupera palla a centrocampo, scambia con Sturniolo e serve Paludetti, che dal limite dell’area spara col mancino, costringendo Paterniti alla deviazione in corner. Prende campo il Città di Messina che al 13′ ha l’occasione giusta per trovare l’1-0, con il presunto tocco di mano di Falcone punito dal direttore di gara con il penalty. Manca lo specialista Rasà e sul pallone ci va Quintoni. Il centrocampista cerca col mancino la destra di Mannino ma l’estremo difensore ospite intuisce e respinge. E’ l’ultima occasione della partita per Quintoni che poco dopo esce per far posto a Codagnone. Al 24′ Alessandro entra duro su Mondello in ripartenza, pochi dubbi per Campagni che estrae il rosso diretto. Parità numerica a Mili. Finisce la partita di Paludetti, rilevato il campo dal neo-acquisto neroverde Portovenero. L’ex Gescal prende posizione sulla fascia sinistra, con Assenzio a fare da falso nueve. E’ l’ex Akragas al 36′ a cercare il gol su assist di Ancione, ma Paterniti riesce a chiudere in uscita bassa. Si fa male Codagnone, al suo posto viene lanciato nella mischia La Corte. Ginagò per Fragapane. E’ il 43′ e il Camaro ha l’occasione di portare i 3 punti a casa, con la conclusione di Portovenero, lanciato da Assenzio, respinta dall’estremo difensore del Città. Vengono concessi 4 minuti di recupero ed il Città ha il merito di crederci di più. Da una deviazione, La Corte si ritrova a tu per tu con Mannino. Killer Istinct per l’ex ACR che al minuto 47′ sigla il gol vittoria. Di Stefano per Silvestri. Fine Partita.

IL TABELLINO:
Città di Messina-Camaro: 1-0 (La Corte 47′ st)

Città di Messina: Paterniti, Silvestri (49′ st Di Stefano), Fragapane (40′ st Ginagò), S.Leo, Filistad, Bombara, Costa, Calcagno, Alessandro, Genovese, Quintoni (20′ st Codagnone, 37′ st La Corte). A disposizione: Maisano, D.Leo, Porcino. Allenatore: Furnari.
Camaro: Mannino, Cappello, Mondello, Sciotto, Campo, Falcone, Sturniolo (31′st Spoto), Assenzio, Paludetti (36′ st Portovenero), Ancione, Bonamonte. A disposizione: Sanneh, Morabito, Pantano, D’Amico, Princi. Allenatore: Ferrara.

Arbitro: Matteo Campagni di Firenze
Assistenti: Mario Chichi ed Emanuele Pulejo di Palermo

Ammoniti: S. Leo (CdM), Bombara (CdM), Bonamonte (C), Costa (CdM)
Espulsi: 47′ pt Bonamonte (C), 24′ st Alessandro (CdM)

10/11/2017

  • Il sig.Sebastiano Galioto di Siracusa dirigerà il match Scordia vs Città ...

3/11/2017

  • Dopo la vittoria per 1-0 di Mercoledì contro l'Avola Calcio, il ...

31/10/2017

  • Sarà il signor Giovanni Nanfa di Palermo a dirigere il match ...